Suonoterapia con i diapason

Lo studioso francese Dr. Alfred Tomatis, dopo aver dedicato oltre cinquant’anni della propria vita allo studio dell’orecchio e delle sue funzioni, giunse alla conclusione che  l’orecchio è il più importante fra tutti gli organi di senso. Esso infatti controlla nel corpo il senso dell’equilibrio, del ritmo e del movimento, e si comporta come un direttore d’orchestra con l’intero sistema nervoso. Il nervo auditivo si connette attraverso il midollo con tutti i muscoli del corpo, e di conseguenza il tono muscolare, la flessibilità, l’equilibrio e la visione risultano direttamente influenzati dal suono. Attraverso il nervo vago l’orecchio interno risulta inoltre collegato con la laringe, il cuore, i polmoni, lo stomaco, il fegato, la vescica, i reni, l’intestino tenue e l’intestino crasso. Ulteriori e importanti connessioni sono stabilite dal suono anche con altre strutture energetiche, forse meno evidenti, ma non per questo meno importanti nell’individuo. Ciò lascia intravedere alcune delle connessioni accessibili attraverso il suono in un processo di guarigione che valorizza così tutti i vari aspetti fisici, mentali, emotivi ed energetici della persona.

La suonoterapia con i diapason interviene a riequilibrare il corpo fisico ed i corpi energetici.

Avviene durante una seduta individuale con la quale si interviene sul corpo con 22 differenti diapason al fine di utilizzare le vibrazioni per sciogliere i blocchi che impediscono il benessere della persona sia a livello fisico che a livello emotivo ed energetico.

Ogni percorso prevede differenti numeri di trattamenti, ma sono indicati almeno sei incontri con cadenza settimanale per poter svolgere un percorso efficace.

Chiara si è formata all’uso dei diapason presso l’Accademia di Kinesiologia.